Una giornata in contatto (digital) con il lavoro

Andiamo dritti al punto, parliamo di lavoro e soprattutto opportunità.  

Domani 23 novembre una giornata di appuntamenti digital, incontri con protagonisti di grandi aziende, PA, docenti e consulenti del lavoro, pronti ad affrontare il tema del lavoro. È il Career  day “digital edition” di Brain at Work che intende permettere a diplomati, laureandi e laureati d’incontrare virtualmente i recruiter delle aziende presenti, grazie al supporto della migliore tecnologia attualmente disponibile.

A questo link il programma e i vari incontri cui partecipare: 
https://www.brainatwork.it/eventi/digital-career-day-italia

Più di 60 posizioni lavorative ricercate, 15 digital rooms per i colloqui, 24 relatori  e 15 grandi aziende ed enti partecipanti.
Numeri interessanti se messi anche in relazione con quelli del lavoro nella fase di emergenza..

Continua a leggere

Diritto alla salute.. psicologica

Torniamo a parlare di equilibrio e salute, psiche. Perché di questi tempi è diventato un tema (ulteriormente) centrale nella vita di tutti i giorni, già frenetica nella normalità e che ci vede ancor più “sotto pressione” nell’emergenza.

I ragazzi, con i loro progetti di vita, sono alle prese con un presente difficile e un futuro dai tratti ancor più sbiaditi.

Continua a leggere

Siamo il modo in cui trattiamo l’altro

In un momento storico così complesso riscopriamo la frase di gandhiana memoria sulla civiltà di un Paese che si misura in base al trattamento dei suoi animali. A dar conto alle notizie ricorrenti, infatti, questa pandemia avrebbe molto a che vedere con il rapporto tra uomo e animali. Un rapporto che, se scorretto, può portare anche a estreme conseguenze. Dovremmo imparare a passare da un sistema ego-centrico a uno eco-centrico, fondato sul rispetto di altri esseri viventi, dell’ambiente. Che poi è rispetto di noi stessi…

Continua a leggere

La paura ci può salvare (?)

La paura che ci può salvare. Ebbene si, questo temuto sentimento può trasformarsi per noi in un grande alleato, se ben ascoltato e gestito. Parola del neurologo e divulgatore Rosario Sorrentino, che ne parla da tempo e ribadisce questo concetto nel suo ultimo libro, legato all’attualità di un tema che stiamo vivendo in un’emergenza particolare come l’attuale. Percepita da tutta la popolazione e in particolare modo dalle giovani generazioni, alle prese con il proprio confronto con un mondo complesso e sempre più ricco di insidie guardando al futuro. Alcune, però, possono essere anche opportunità.

Continua a leggere

Essere e(‘) apparire

 
Tanto importante il “contenuto”, quanto il modo in cui si presenta, diciamolo. nella società contemporanea l’immagine rappresenta, a torto o a ragione, un bligliettino da visita non secondario. dalla vita personale a quella professionale spesso siamo quello che “presentiamo” di noi.
Di qui la tendenza alla cura di mente e corpo, con modelli che a volte estremizzano anche troppo il canone estetico. D’altro canto è pur vero che, dalla natura al nostro “sè”, il nostro è un non do bisognoso di “bellezza”, con l’importanza che hanno le radici di questo concetto nel loro giungere fino al contenuto e alle qualità nascita di un qualsiasi (s)oggetto di bella presenza. Parlando di ragazzi capiamo quanto questo sia sentito, e l’idea di questa riflessione nasce proprio dal sentiment che ascoltandoli si percepisce…
 

Continua a leggere

Giovani, le risorse per affontare l’emergenza

La giornata nazionale della Psicologia ha visto tornare al centro del dibattito la situazione psicologica, emotiva, di una popolazione gravata dal peso di un’emergenza prolungata.

Un’iniziativa del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi ha dato voce a molte analisi e considerazioni utili a noi, nonché ai decisori, per affrontare i giorni a venire. 

“La pandemia, come tutte le grandi crisi che mostrano la nostra vulnerabilità e pongono una sfida adattiva, ha mostrato l’importanza degli aspetti psicologici per la vita e la salute. Ora, dopo 7 mesi di questa situazione, il livello del disagio psicologico  è diventato un grande problema sociale e di salute pubblica”. Queste le dichiarazioni di David Lazzari, Presidente dell’Ordine, che richiama anche un’attenzione tutta attuale sul rapporto tra questa tematica e le nuove generazioni, supportato dai numeri dell’indagine condotta dall’Istituto Piepoli…

Continua a leggere

“Stress” da emergenza

Un popolo sotto stress. È quello che rivela un’indagine con dettagli interessanti su una popolazione come la nostra, colpita dalla nota emergenza globale in corso.
Persone che durante il lockdown hanno dimostrato grande responsabilità e altre che invece ultimamente, nel corso dell’estate, hanno manifestato qualche comportamento poco attento. Forse proprio a causa della pressione cui siamo sottoposti da tempo, che interessa come vedremo anche fasce giovani di italiani.

Continua a leggere

L’Italia di K


Una Grande Riforma. È questa l’esigenza, reale, di cui avremmo bisogno oggi. Non una riforma semplice e ordinaria, ma ampia e profonda a ogni livello sociale.

Oggi ricorre l’anniversario della scomparsa di una figura che non ha lasciato indifferenti e la cui eredità è proprio quella di non lasciare indifferente nessuna generazione nel presente e nel futuro.

Il 17 agosto del 2010 scompariva Francesco Cossiga. Potremmo parlare a lungo di lui, dei sui tratti caratteristici che lo rendevano unico, della sua capacità di unire e dividere. Una personalità indubbiamente autorevole, a livello globale, un’autorevolezza di cui si sente un crescente bisogno. Una figura dicotomica per certi versi, rispettoso custode delle tradizioni e picconatore severo, uomo di Stato e sostenitore dell’indipendentismo. Lui stesso amava descrivere i due omini al lavoro dentro di lui, quello bianco che costruiva e quello nero che distruggeva. Per poi ripartire.

Ho avuto la fortuna di conoscerlo, condividere il percorso che mi ha portato alla tesi e alla laurea, dedicare a lui e a quest’esperienza il mio primo libro. A otto anni di distanza ormai continuo a percepire il peso delle idee che avevo imparato a conoscere e la loro modernità…

Continua a leggere

Alla (ri)scoperta del “Belpaese”

“Una casa per gli italiani”. Questo il nome del progetto lanciato da Property Managers Italia, Associazione Nazionale di categoria del Turismo Residenziale: proposte di soggiorno negli angoli più affascinanti (ma a volte poco conosciuti) del nostro Paese, a prezzi ribassati di almeno il 20%, e con l’omaggio di una polizza assicurativa sanitaria.

“L’intento è duplice” spiega il presidente di PMI Stefano Bettanin. “Da un lato dare alle famiglie italiane, anche se devono fare i conti con minori introiti a causa della pandemia, la possibilità di fare una vacanza dopo i mesi di lockdown, dall’altro aiutare i property managers, che si trovano in grosse difficoltà, e far ripartire il turismo extra alberghiero”. Il progetto, pensato soprattutto per il mercato interno, propone ville, case, casali, appartamenti con sconti dal 20% in su. Dopo aver offerto a medici e infermieri durante l’emergenza Coronavirus alloggi gratis, ora gli associati di Property Managers Italia propongono case vacanze a costi ribassati per chi vuole scoprire i luoghi inediti ma più autentici dell’Italia.

In più chi aderirà potrà usufruire della copertura assicurativa “Un Medico in Valigia”, grazie ad un accordo raggiunto da PMI con Europ Assistance Italia, la Care Company del Gruppo Generali. “In risposta alla situazione di emergenza sanitaria abbiamo pensato a prestazioni di assistenza  per tutelare sia gli ospiti sia i gestori di case vacanze: durante il soggiorno saranno garantite consulenza e assistenza mediche 24 ore su 24 e 7 giorni su 7,  il trasporto in una struttura sanitaria idonea e il rientro presso la propria abitazione in caso di malattia o infortunio” spiega Bettanin.  “Venite in vacanza in Italia, troverete un Paese bellissimo, a prezzi scontati e in sicurezza” è l’invito.

Le offerte sono raccolte sul sito www.rentinitaly.it, finora hanno aderito 1.700 appartamenti e 520 ville. “Una casa per gli italiani” è un’iniziativa pilota, primo step per un progetto più ampio: creare l’ “Airbnb italiano”, un portale completamente Made in Italy del turismo residenziale. 

Rivoluzione della formazione

“Una nuova generazione di coder”. Questo l’obiettivo della novità rivoluzionaria che conoscerà nei prossimi mesi il mondo della formazione. Una scuola che ha l’obiettivo di selezionare giovani esperti con le migliori competenze digitali, in grado di fare la differenza e di diventare il punto di riferimento di aziende, amministrazioni dello stato e no profit per la trasformazione digitale: ma come trovarli? C’è chi ha pensato di chiedere a 150 giovani di buttarsi in piscina e vedere chi di loro, in qualche giorno e contando solo sulle proprie risorse, riusciva a rimanere a galla e a imparare a nuotare…

Continua a leggere